Il Mondo Maggioli


Le nostre attività integrate affiancano la Pubblica Amministrazione, i Liberi Professionisti e le Aziende nel semplificare i processi e migliorare i servizi

Soluzioni e Servizi
Tecnologia e conoscenza sono le nostre passioni e il modo con cui siamo sempre riusciti a rispondere alle richieste di un mercato in continua evoluzione
 
Informatica MAG / Editoriale

Il futuro del lavoro nella PA sarà ibrido: tra ufficio e remote working passando per il Cloud

Lo ha ribadito il Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale Vittorio Colao

Il futuro del lavoro nella PA prevede una nuova formula mista di lavoro, l’hybrid work, che mette insieme il meglio dei due modelli:

  • il lavoro in ufficio, per aumentare la socialità e il senso di appartenenza;
  • il lavoro da remoto, per gestire il proprio tempo e abituarsi a raggiungere obiettivi; la transizione verso l’hybrid work richiede consapevolezza e implica un’attenzione su diversi ambiti: organizzazione, cultura e tecnologie con un focus particolare sulla sicurezza.

Preparazione, cambiamento organizzativo e culturale, tecnologie e sicurezza sono dunque gli ingredienti necessari affinché il nuovo si radichi profondamente nell’organizzazione produttiva del nostro Paese. Per questo occorrono nuove leggi perché specie nella Pubblica Amministrazione l’hybrid work non può essere lasciato all’improvvisazione.

L’adozione dell’Hybrid Work dopo il Covid è infatti un’importante passo in avanti per il cambiamento della Pubblica Amministrazione, non solo tecnologico, ma organizzativo. Il Ministro Colao sostiene che si deve procedere nel percorso di Transizione al digitale concentrandosi prima di tutto sull’ottimizzazione degli asset esistenti – infrastrutture per colmare il digital divide, sicurezza informatica e competenze – e ha sottolineato in particolare la necessità di infrastrutture Cloud più sicure, perché i dati sensibili dei cittadini siano tutelati nel tempo.

Notevoli sono i vantaggi di operare in un hybrid work, quali maggiore libertà per i dipendenti che si traduce in un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata; un notevole risparmio per l’Ente in termini di costi di gestione della struttura che può essere anche ridotta negli spazi; la possibilità di poter attingere a un bacino di professionisti qualificati anche geograficamente distanti dalla sede di lavoro. Ovviamente esistono anche alcuni svantaggi, primo tra tutti il rischio di creare un gruppo di lavoro di serie A − coloro che lavorano in sede e hanno un accesso facilitato a tutte quelle informazioni che potremmo definire di ‘secondo livello’, ovvero che viaggiano al di fuori degli incontri ufficiali − e un gruppo di lavoro di serie B − coloro che lavorano da casa e hanno relazioni meno fluide.

Per ovviare a questa eventualità è indispensabile che l’hybrid work venga progettato in maniera molto attenta creando filtri e non blocchi tra i diversi gruppi di lavoro affinché tutta la squadra sia in grado di lavorare alla stessa velocità. Fondamentali diventano dunque gli strumenti digitali messi in campo per consentire e armonizzare tutte le attività. Ormai non c’è dubbio che il Cloud rappresenti a questo proposito la strada maestra per gli Enti Locali anche alla luce del PNRR.

L’adozione del Cloud andrebbe anche colta come occasione per ripensare gli adempimenti normativi, i processi e i servizi, in modo che risultino più semplici da gestire per i Dirigenti della PA, e al tempo stesso più facili, più accattivanti e coinvolgenti per i cittadini.

Angelo Bianchi
Direttore Operativo
Gruppo Maggioli

03 luglio 2021
Posted: 03/07/2021 11:10:26 by | with 0 comments

Continua a leggere

Notizia

Il Piano Triennale per l'Informatica 2024-2026: fondamentale la cybersecurity per una digitalizzazione sicura della Pubblica Amministrazione

Il Piano Triennale per l'Informatica rappresenta una guida chiave per l'evoluzione dei servizi digitali in Italia. Nell'ambito di un'ampia strategia di aggiornamento, il piano si allinea agli obiettivi del PNRR e pone una significativa attenzione al tema della cybersecurity, dedicando un intero capitolo alla sicurezza informatica.

27 febbraio 2024
Rassegna stampa

Al Comune di Poggibonsi è online il nuovo sito web

Contenuti e veste grafica rinnovati e adeguati alle disposizione AgID. Un progetto del Gruppo Maggioli, finanziato dal PNRR Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

19 febbraio 2024
Rassegna stampa

Intelligenza artificiale, applicazioni cruciali per assistenza, diagnostica e monitoraggio

Salute, intelligenza artificiale e digitalizzazione: le aziende italiane rappresentano un’eccellenza internazionale, punta avanzata della ricerca e sviluppo in questo settore. Insieme ad altre realtà del settore il Gruppo Maggioli si è confrontato nel laboratorio della Winter School 2024 che si è tenuta a Cernobbio.
13 febbraio 2024
Notizia

Maggioli tra le principali software house in Italia

Nella classifica italiana “Top 100 Software e servizi IT per la Pubblica Amministrazione”, stilata dalla rivista Data Manager, si conferma l'8° posizione del Gruppo Maggioli tra i principali leader di settore.
09 febbraio 2024